Percorso

18bis

Cliccando sulla foto qui sopra potrete vedere una sintesi per immagini

della giornata di premiazione.

                   Quando si incontrano l’arte e bellezza

(di Lorenza Politi)

Bellissima mattinata piena di emozioni e di cultura quella vissuta dai ragazzi che sono stati protagonisti insieme allo storico dell’arte Jacopo Veneziani, della manifestazione finale della XXIII edizione del Premio letterario Terre del Magnifico, ospiti del sig. Ivano Poggi, sostenitore da anni del Progetto.

Dopo due anni di edizioni a distanza, quest’anno l’AUDITORIUM  della Società TECO di Fiorenzuola, si è animato nuovamente di  ospiti e di ragazzi, quelli premiati per il  concorso di grafica abbinato da anni al Progetto di lettura.

Molte sono state anche le presenze a distanza, comprese quelle delle classi che hanno approfondito con i loro insegnanti la lettura del libro e sviluppato Nuovi percorsi creativi.

“...Siamo stati contagiati dalla passione dello scrittore che ci ha guidato, con il linguaggio della divulgazione esperta, nella lettura di opere d'arte famose, di altre che non conoscevamo, ma soprattutto del patrimonio artistico e paesaggistico che ci circonda. 

Abbiamo raccolto il suo invito a cercare altre simmetrie e ad adottare in generale uno sguardo nuovo sulle cose che rischiamo di non vedere più e di non apprezzare, proprio perché le vediamo tutti i giorni, in un "viaggio" a volte virtuale, a volte reale, a pochi passi da casa.

Abbiamo fatto nostro il metodo della ricerca, come lo stesso autore ci ha consigliato e ci siamo concessi "la bellezza di rischiare", scoprendo dettagli, analogie, bellezza, in antichi affreschi e stucchi artistici ma anche in alberi, cortecce, rami, sassi...

Prendendo spunto dai titoli di alcuni capitoli del libro, abbiamo cercato nuove simmetrie tra arte, poesia, letteratura, la nostra vita, i nostri sentimenti, alla ricerca di un "altrove" che ci ha portati in "volo" nel mondo delle passioni che ci rappresentano e ci definiscono più profondamente...”

Questo un estratto della motivazione al Premio  per il libro "Simmetrie. Osservare l'arte di ieri con lo sguardo di oggi" edito da  Rizzoli, espressa dai ragazzi.

L’incontro è stata una preziosa occasione anche per ascoltare, durante una gradevole intervista condotta con molta ‘professionalità’ e simpatia da due ragazzi rappresentanti dei 177 che hanno partecipato in tutto, le sue idee sull’arte, il precorso di vita e di studio intrapreso per seguire una passione per la bellezza e la storia dei luoghi e delle cose, manifestata fin da piccolo con il desiderio di diventare “divulgatore”  essendosi appassionato alle note trasmissioni di Piero e Alberto Angela, con i loro inviti a viaggi reali e virtuali alla ricerca di storia, cultura e arte.

Veneziani ha detto di essere molto curioso di tutto e di non avere un metodo particolare di studio che lo ha portato già così giovane ad essere così competente nella conoscenza e nella divulgazione della storia dell’arte, ma ha raccontato che sicuramente il suo atteggiamento curioso lo porta a non fermarsi alla superficialità, ma ad allenare lo sguardo attento ai particolari, a superare l’apparenza per affinare gli strumenti di lettura delle immagini e della realtà che ci circonda.

E’ un invito a ‘rallentare’, a cercare la profondità.

L’arte, ha detto, ci aiuta a leggere la realtà ma ci aiuta anche a capire meglio la storia, la cultura di un’epoca e ci parla anche di noi stessi, perché ci permette di esprimere dei pensieri, elaborare un gusto, una capacità di analisi che ci rende persone più attente e sensibili agli altri e al mondo.

Veneziani ha citato un insegnamento mai dimenticato, “l’arte è la forma che prende la cultura di un tempo”, che la professoressa Valeria Poli, presente durante l’incontro, ha espresso, accendendo in lui la passione per la materia quando ha frequentato il Liceo Gioia di Piacenza dove ha studiato lingue e in particolare il francese, altra conoscenza approfondita che gli ha permesso di intraprendere poi tutti gli studi universitari presso l’Università Sorbona di Parigi.

Le opere d’arte sono ‘varchi temporali’ ma non sono solo reperti del passato; di un’opera d’arte si possono leggere anche le tematiche, alcune dei quali sono universali e permettono un’attualizzazione dei messaggi voluti dagli artisti e che poi possiamo fare nostri.

I ragazzi hanno chiesto anche consigli per il loro futuro…

Il primo è stato quello di cercare di ascoltare la voce interiore che ci dice per cosa siamo più portati, di cercare di perseguire i propri sogni ma di trovare anche un equilibrio tra la propria inclinazione e i consigli di chi ci sta vicino. Ha invitato i ragazzi ad abituarsi all’idea che si possono sperimentare più percorsi di studio, di vita e di lavoro, ormai necessari in un mondo sempre più globalizzato e plurale e ha invitato ad essere disposti al viaggio per cercare il posto migliore dove le proprie capacità e inclinazioni si potrebbero realizzare, incoraggiando infine i ragazzi ad essere ambiziosi!

Alla domanda se fosse contento di ricevere un Premio per il suo lavoro, Veneziani ha confidato di esserne giustamente orgoglioso ma di considerarlo come un incoraggiamento, come un ‘bravo, stai andando nella direzione giusta’ perché sarebbe molto saggio non considerarsi mai arrivati…

L’incontro è stato veramente molto denso di stimoli, compresa la condivisione dei lavori di approfondimento che i ragazzi hanno realizzato con i loro insegnanti e che sono stati esemplificati in tre video, i due poster della manifestazione, diverse cartoline.

Veneziani ha molto apprezzato il lavoro artistico e creativo nato dall’invito a ricercare nuove simmetrie e che è stato mutuato dalla lettura del suo libro, un lavoro non scontato che ha ben valorizzato anche le competenze di tanti ragazzi e degli insegnanti in un lavoro di squadra accomunato dalla passione per la lettura che è diventato, scrittura, arte, bellezza.

L’incontro si è concluso con una lezione magistrale di Veneziani che ha dimostrato il suo metodo di analisi approfondita attraverso la lettura di alcune opere d’arte, una lettura appassionante e coltissima che ha lasciati tutti incantati e che non verrà di sicuro dimenticata.

Per il lavoro di quest’anno si ringraziano le classi:

5e A e B       della Scuola Primaria di Cortemaggiore

3e A , B, F    della Scuola Secondaria di 1° Grado di Cortemaggiore

2e D e E       della Scuola Secondaria di 1° Grado di Castelvetro

3e D e E       della Scuola Secondaria di 1° Grado di Castelvetro

3a C             della Scuola Secondaria di 1° Grado di Villanova sull’Arda

e gli insegnanti: Chiara Belloni, Michela Cavalli,Valentina Pareti, Paola Rangognini, Paola Veronelli, Massimo Umili

per la realizzazione grafica l'Architetto Gabriella Barbieri

 

Per vedere i video proiettati nel corso della manifestazione, fare clic sul titolo 

Simmetrie per allegorie

classi 5e A e B Scuola Primaria di Cortemaggiore

Prove di simmetrie

classi 22  D e E / Scuola Secondaria di 1° Grado di 

Simmetrie poetiche

classi 3e D e E / Scuola Secondaria di 1° Grado di Castelvetro

 

Cartoline realizzate con gli elaborati prodotti dai ragazzi delle Scuole Secondarie di I grado di Castelvetro, Cortemaggiore e Villanova.

Per vederle, fai clic sui titoli corrispondenti.

CARTOLINE - Scuola Sec. I grado di Castelvetro

CARTOLINE - Scuola Sec I grado di Cortemaggiore

CARTOLINE verticali - Scuola Sec di I grado Villanova

CARTOLINE quadrate - Scuola Sec di I grado Villanova

Locandine

realizzate con gli elaborati degli alunni della Scuola Primaria di Cortemaggiore

LOCANDINA 1

LOCANDINA 2

Elenchi alunni premiati nel corso della manifestazione: fare clic sull'elenco di interesse per aprire il documento.

Scuola Primaria di Cortemaggiore

Scuola Secondaria di I grado di Castelvetro

Scuola Secondaria di I grado di Cortemaggiore

Scuola Secondaria di I grado di Villanova

 

 

 

 

 

Inizio pagina
Utilizzo dei cookie

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti.
Potrebbero essere presenti collegamenti esterni (esempio social, youtube, maps) per le cui policy si rimanda ai portali collegati, in quanto tali cookie non vengono trattati da questo sito.